“Chi sono i veri amici?” da “Non siamo nati per soffrire” di Raffaele Morelli

Un bell’articolo per riflettere, capire, conoscersi, senza chiamare in causa nessuno (come sempre, d’altra parte) casomai l’ egocentrico estremista  di turno si sentisse coinvolto in prima persona.
 
“Così come nell’amore dovremmo soffermarci sul piacere che proviamo quando ci sentiamo vicini alla persona amata, di fronte all’amico, nuovo o antico, dobbiamo puntare sul benessere che sperimentiamo quando siamo in sua presenza, o quando lo pensiamo, quando lo sentiamo al telefono.
A contatto con lui dobbiamo sentirci a casa, in un porto sicuro. Il nostro cervello ci deve rivelare la sua approvazione con sentimenti di pace, di tranquillità, di serenità.
 
 
Non si diventa amici con lo sforzo e la fatica di capire l’altro. L’amicizia poi non è nemmeno il luogo dei consigli, dei suggerimenti e neppure della critica. Non siamo lì per ascoltare i lamenti dell’altro o per parlare del più o del meno e buttarci sui luoghi comuni.
L’amico è prima di tutto l’incarnazione di un’energia provvidenziale, di un dio o di una dea che sentiamo silenziosamente al nostro fianco e che ci proteggono. Ad un amico non dobbiamo chiedere favori, non possimao trattarlo come un oggetto e, soprattutto, non dobbiamo giudicarlo. Dobbiamo semplicemente sapere che c’è, che la sua immagine vive al nostro interno, che abita la nostra anima. Se è un amico, ci accetterà così come siamo, e noi faremo lo stesso con lui. Così saremo insieme quando siamo lontani.
Senza che lo sappiamo, si sarà formata un’osmosi che innalzerà le energie dell’uno e dell’altro e le fonderà. Saremo una sola cosa.
Degli altri, di quelli che passano il tempo a criticarci, a dirci di cambiare, di migliorare, che lo facciano in nostra presenza o a nostra insaputa, possiamo farne veramente meno. E allora l’amicizia sarà sempre nuova, fresca, entusiasmante perché staremo mettendo a disposizione l’uno dell’altro non i luoghi comuni o le abitudini, ma lo sforzo della vita che si rinnova costantemente dentro di noi.
 
Una vera amicizia è sempre nuova, quando è fra due cervelli liberi dai condizionamenti. È così che la consideravano i saggi ed è per questo che è sempre valida l’osservazione che “chi trova un amico trova un tesoro”.
Viceversa bisogna diffidare delle persone a cui non va bene niente, quelle che fanno sempre i distinguo, che ci mettono sempre in discussione. L’amicizia non è il luogo della critica o dell’autocritica. Le persone che giudicano continuamente i nostri comportamenti, che ci correggono, che ci danno consigli, che ci fanno vedere i pericoli delle nuove iniziative che stiamo intraprendendo finiscono per indebolirci, per toglierci entusiasmo, per renderci insicuri.
I veri amici sono al nostro fianco quando è veramente utile, quando ne abbiamo bisogno, senza che dobbiamo dire nulla. Ci sono e basta.
Non hanno rivendicazioni da fare: ci accettano per ciò che siamo.
In loro presenza, ci sentiamo in pace, tranquilli; avviene una trasfusione di energie soccorrevole dall’uno all’altro. Potenziano la chimica cerebrale di entrambi.”
 
Raffaele Morelli
 
 
 
 
994512_676763155673361_1477187760_n
Annunci

Informazioni su Roberta Viotti Eowyn

Semplicemente una cantastorie... Dalla recensione di Chiara Lorenzetti a "Ti ha mai chiamato il mare" " Roberta Viotti, in arte Eowyn è rara poetessa d'amore senza spine. Leggere è immergersi dentro ad una favola ove le parole suscitano immagini delicate e fragili. [...] V'è tra le righe, una tangibile carnale sensualità dell'amore, vissuto come unico ed immortale. La potenza dei versi inchioda e non da scampo alla fuga. [...] Roberta ci mostra con la sua immaginifica poesia, che l'amore è la sola salvezza, il ricondursi alla scoperta di sé."
Questa voce è stata pubblicata in Libero Spazio e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a “Chi sono i veri amici?” da “Non siamo nati per soffrire” di Raffaele Morelli

  1. chiaralorenzetti ha detto:

    Molto, molto bello. Morelli è uno che mi piace 🙂

    Mi piace

    • Sì, diretto, senza tanti fronzoli o ammiccamenti. Via tutti gli orpelli veri o presunti, le scuse, i però, per arrivare preciso al centro della questione e su quello lavorare e approfondire per risolvere 🙂
      Offre sempre un arricchimento 🙂

      Mi piace

  2. chiaralorenzetti ha detto:

    Ps: scordati che faccia questa cosa dei capelli, sono ancora qui con le bracci annodate 😉

    Mi piace

  3. chiaralorenzetti ha detto:

    ehm….”bracci-a” oppure “bracci-ne”, scegli tu :p

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...