L’oblio

Quando cade l’ultimo crepuscolo
la sera si inclina all’ombra
rovesciata e offerta
e indefinita
come una grotta d’ebano
il tempo fermo nelle gambe amanti
il giro dei respiri un sapore socchiuso
la ragione di neve della follia
e spalancata
come le porte agli spaventi
i silenzi alle voci i palmi su un ventre
un’acqua rotonda
– la tua bocca marina –
e l’oblio ribelle che si lascia morire
sulla rabbia superba della dolcezza
Nell’andare stordito
dell’inguine notturno
mi meraviglio dei tuoi occhi eterni
 
Eowyn
 
 
 
Himitshuana

Himitshuana

 
Advertisements

Informazioni su Roberta Viotti Eowyn

Semplicemente una cantastorie... Dalla recensione di Chiara Lorenzetti a "Ti ha mai chiamato il mare" " Roberta Viotti, in arte Eowyn è rara poetessa d'amore senza spine. Leggere è immergersi dentro ad una favola ove le parole suscitano immagini delicate e fragili. [...] V'è tra le righe, una tangibile carnale sensualità dell'amore, vissuto come unico ed immortale. La potenza dei versi inchioda e non da scampo alla fuga. [...] Roberta ci mostra con la sua immaginifica poesia, che l'amore è la sola salvezza, il ricondursi alla scoperta di sé."
Questa voce è stata pubblicata in Amore, Il Sentire, Serenità e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...