Cronaca di un’emersione – cattedrale

Ha un’ascesa di versi, l’emozione

l'inevitabile

Cattedrale

Ho un corpo adesso
completamente immerso
si meraviglia
di/venire percorso
da tutte le dorsali,
oceaniche presenze
i verticali slanci, le
cadute, le
ripartenze.
Le sue membra dispiegate accolgono l’umano
l’inerte, l’animale.
E’ divina l’entità
di questo osmotico scambio
il pensiero si
ripone, riposa un istante
sulla pelle degli occhi,
delle foglie, dei sassi
sulla corteccia di un castagno.
Dalle nostre mani unite
un unico canto si dipana
lungo le linee del silenzio
verso ogni praticabile distanza.

View original post

Informazioni su Roberta Viotti Eowyn

Semplicemente una cantastorie... Dalla recensione di Chiara Lorenzetti a "Ti ha mai chiamato il mare" " Roberta Viotti, in arte Eowyn è rara poetessa d'amore senza spine. Leggere è immergersi dentro ad una favola ove le parole suscitano immagini delicate e fragili. [...] V'è tra le righe, una tangibile carnale sensualità dell'amore, vissuto come unico ed immortale. La potenza dei versi inchioda e non da scampo alla fuga. [...] Roberta ci mostra con la sua immaginifica poesia, che l'amore è la sola salvezza, il ricondursi alla scoperta di sé."
Questa voce è stata pubblicata in Dai blogs. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cronaca di un’emersione – cattedrale

  1. tommasopapais ha detto:

    Ti ringrazio moltissimo!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...